Musei

La Giornata della Memoria ad Amsterdam: il museo della resistenza

Il 27 gennaio ricorre la Giornata della Memoria, giornata che commemora le vittime dell’Olocausto. In questa data nel 1945 l’Armata Rossa liberò il campo di concentramento di Auschwitz, rivelando l’orrore del genocidio nazista.

In che modo la storia dell’Olanda e di Amsterdam è legata alla seconda guerra mondiale e cosa succede al paese che si era dichiarato neutrale?

Nel 1940 le truppe tedesche invadono i Paesi Bassi e da lì a poco si darà inizio alla resistenza olandese, protratta per 5 lunghi anni, che ci viene raccontata dal ‘Verzetsmuseum‘, il museo della resistenza dei Paesi Bassi che ha sede ad Amsterdam.

La prima città a subire l’avanzata nazista fu Rotterdam che il 10 maggio del 1940 venne bombardata ed in gran parte distrutta. Dopo pochi giorni, per evitare ulteriori vittime, il governo olandese si arrese all’avanzata nazista ed accolse le truppe tedesche in tutte le città d’Olanda.

In seguito ad una prima fase di pacifica convivenza, finalizzata a diffondere gli ideali nazisti e trovare proseliti tra la popolazione, nel 1941 tutti gli olandesi si trovarono costretti a possedere un documento di riconoscimento che potesse identificare la loro etnia. Questo atto segna l’inizio  della fase di discriminazioni degli ebrei. Tutti gli ebrei olandesi vennero schedati e costretti ad indossare la stella di David per essere sempre riconoscibili. La grande “J” sul documento indicava la loro origine ebraica (“Jood” in olandese significa ebreo).

ia_verzetsmuseum_documento_ebreo

Nel 1942 Hitler diede il via alle prime deportazioni di ebrei olandesi verso i campi di lavoro e di sterminio. Sono moltissimi gli olandesi che aiutarono intere famiglie ebree a trovare un rifugio dai rastrellamenti nazisti sfidando la legge e spesso andando incontro alla morte.

 Il terribile inverno del 1944 fu il più difficile: Amsterdam fu colpita da un rigidissimo inverno che affamò tutta la popolazione stremata dal freddo, con cibo e materie prime quasi azzerate. La gomma scarseggiava e non potevano più essere riparate le ruote delle biciclette tanto da costringere gli Amsterdammer a costruirne modelli con le ruote in legno.

ia_bicicletta da guerra

Il 5 maggio del 1945 i Paesi Bassi celebrano la liberazione olandese dalla truppe tedesche: più della metà degli ebrei risiedenti in Olanda non fecero ritorno dai campi di lavoro.

La visita al museo della resistenza è un’occasione per conoscere meglio la storia olandese e le vicende che hanno riguardato la città di Amsterdam durante questo difficile momento storico. Contattami per maggiori informazioni sul nostro tour al museo della resistenza.

Vuoi saperne di più?
Continua a seguirmi e visita la pagina Facebook di insolitAmsterdam – ci sono tante foto ed info utili su Amsterdam oppure partecipa ad una visita guidata in città, ci sono tanti altri luoghi da conoscere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *