Olanda,  Rotterdam

COSA VEDERE A ROTTERDAM IN DUE GIORNI: SECONDA PARTE

Rotterdam è una città che sorprende e che ha saputo reinventarsi negli anni ‘50. E’ conosciuta come la città futuristica dei Paesi Bassi, ma oltre al meraviglioso skyline offre luoghi insoliti e musei interessanti in cui divertirsi. In questo articolo ti racconto i luoghi più affascinanti di Rotterdam da vedere in due giorni. Questa è la seconda parte del racconto, se hai perso la prima parte puoi recuperare qui.

COSA VEDERE A ROTTERDAM IN DUE GIORNI: PRIMA PARTE

Per aiutarti nella lettura ho creato un piccolo indice. Il prossimo giovedì – 13 marzo 2019 – pubblicherò il VLOG di questa seconda giornata a Rotterdam sul mio canale youtube ‘In Olanda con Valentina’. Ecco quello che troverai all’interno di questo articolo:

  1. Museo marittimo di Rotterdam
  2. Het Nieuwe instituut
  3. Street art e Luchtsingel bridge
  4. Nederlands fotomuseum

Il nostro secondo giorno a Rotterdam inizia con un fantastico sole e la colazione. Il Cityhub Rotterdam offre la possibilità di fare colazione al costo di 10 euro in un locale convenzionato ma io e Angela abbiamo optato per una colazione stile olandese da Bakkerswinkel. È una catena di caffetteria abbastanza diffusa in Olanda ed ne esistono vari anche ad Amsterdam. Io ho ordinato cornetto e tè alla menta, Angela caffè e cheesecake!

Il programma per questa seconda giornata prevedeva la visita di 3 musei e di una passeggiata urbana per scoprire la street art che Rotterdam offre. È stata una scelta super adeguata, infatti ci siamo divertite molto!

Colazione da De Bakkerswinkel

MARITIME MUSEUM – Museo Marittimo
La prima tappa della giornata è stata il Museo Marittimo di Rotterdam. Con piacere abbiamo scoperto che è a due passi dal nostro hotel. Il City Hub ha davvero tutto a portata di mano! Il museo è una vera chicca in città, infatti mi ha sorpreso. Ha un’intera sezione dedicata alla conoscenza della storia marittima olandese e all’importanza internazionale del porto di Rotterdam, il più grande in Europa!

E’ un museo in grado di sorprendere: si può esplorare la zona che ospita la collezione permanente e ci si può perdere nelle aree dedicate ai più piccoli. Ha un’ampia sezione dedicata ai bambini: qui possono imparare la storia del porto della città, come si svolge la vita in nave e giocare nella parte dedicata a loro. Tra le attività che ho provato e che consiglio c’è la simulazione del lavoro sopra una piattaforma petrolifera oppure la visita di una houseboat ormeggiata nel porticciolo del museo.

Il Maritiem Museum è aperto dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 17.

Museo Marittimo di Rotterdam

HET NIEUWE INSTITUUT
Dopo il museo marittimo ci siamo dirette verso l’Het Nieuwe Instituut. E’ un museo che consiglio caldamente a chi è appassionato di architettura e design. La collezione permette di conoscere numerosi architetti e designer olandesi contemporanei. All’interno le mostre affrontano diverse tematiche dal design alla cultura digitale, inoltre lo spazio per i bambini non manca mai, infatti è presente un’area didattica a loro dedicata. Ciò che mi ha veramente sorpresa è l’architettura dell’edificio, un connubio di materiali tra vetro, cemento e metallo che rendono la struttura leggera e perfettamente inserita nella piazza in cui si trova, Museumpark. Non perderti il Cafè del museo.. un luogo veramente piacevole!
Het Nieuwe Instituut si trova a Museumpark, è aperto dal martedì alla domenica, dalle 11 alle 17.

PAUSA PRANZO
Finita la visita al museo abbiamo preso la metro per raggiungere il ristorante che avevamo scelto per pranzo. Abbiamo pranzato da Bertmans (Karel Doormanstraat). Il locale offre una vasta scelta di piatti anche per vegani e celiaci. Io ho provato una Japanese bowl con verdure, riso integrale, miso e spezie; Angela una falafel bowl con verdure,falafel di zucca e hummus… super lekker!!

Il mio pranzo: Japanese bowl con verdure, riso integrale, miso e spezie

STREET ART E LUCHTSINGEL BRIDGE
Ammetto di non essere super appassionata di street art ma Rotterdam mi ha colpito. Angela, super appassionata invece, aveva preparato l’itinerario che avremmo seguito. Per farlo ha scaricato una mappa dal sito “Rewriter010” in cui sono indicati tutti i murales di Rotterdam. Il percorso intero è lungo 7 km e permette di seguire un itinerario alternativo alla scoperta di alcuni posti veramente insoliti. Noi ne abbiamo fatti un paio ma abbiamo ugualmente raccolto belle foto e bei momenti!

Uno dei murales di street art di Rotterdam

I murales più interessanti si trovano vicino il Luchtsingel bridge. Il Luchtsingel bridge è un ponte nato come opera di rigenerazione del quartiere e come passaggio sopraelevato per collegare due parti della città altrimenti separate dai binari. Ha una particolarità che lo distingue dagli altri ponti olandesi: il ponte è infatti tutto giallo ed è stato realizzato grazie alle donazioni fatte dai cittadini. I nomi dei benefattori sono incisi lungo le assi di legno che formano il ponte.

NEDERLANDS FOTOMUSEUM
Dopo la visita di questo piacevole labirinto, ci siamo dirette verso il Nederlands Fotomuseum. Per raggiungerlo abbiamo preso il tram numero 25 e oltrepassato l’Erasmusbrug. Il Nederlands Fotomuseum è il più grande museo di fotografia presente nei Paesi Bassi. Le esibizioni attualmente visitabili sono tre e tutte temporanee. L’esposizione che ho preferito maggiormente è stata “The collection illuminated by..”. Generalmente per questa mostra il museo invita un curatore esterno a selezionare le fotografie presenti nell’archivio del museo scegliendo una tematica che le accomuna. La curatrice di questa esibizione ha selezionato 15 fotografie che ha ritenuto importanti e di ispirazione per i visitatori.

HOTEL NEW YORK – un passo dall’America
Vicino al museo si trova il New York Hotel, l’ex sede della Holland America Line.  Dopo la partenza del HAL nel 1971, è stato attuato un piano generale per la riqualificazione dell’area progettato da Sir Norman Foster nel 1992. Ad oggi il New York Hotel è adibito ad albergo e ristorante. Un luogo affascinante dove gustare una tazza di the sentendosi trasportati in un’altra epoca. Nella banchina davanti l’hotel ho potuto godere di una bellissima vista sul fiume Nieuwe Maas ammirando sullo sfondo l’Erasmusbrug. Il contrasto tra edifici moderni e lo stile di fine 1800 del New York Hotel mi ha davvero affascinata.

L’hotel New York di Rotterdam

Il mio racconto di Rotterdam termina qui e questo è quello che ho imparato: Rotterdam è una città che ha saputo rialzarsi dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Grazie ai diversi progetti che si sono susseguiti negli anni ha costruito una sua identità: una città giovane, moderna e affascinante. Se vuoi conoscere un Olanda insolita allora Rotterdam è la città che fa per te.

L’articolo ti è piaciuto e vuoi saperne di più? Partecipa ad una delle mie visite guidate in italiano in OLANDA e non dimenticare di continuare a seguirmi sul mio canale youtube!

Articolo realizzato in collaborazione con Rotterdam Tourist Information e City Hub.

LINK UTILI
Rotterdam info
Cityhub Rotterdam
Museo Marittimo di Rotterdam
Het Nieuwe Instituut
Nederlands Fotomuseum






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *