Cose da fare ad Amsterdam in 24h – visitare Amsterdam in un giorno

Amsterdam, la mia splendida città dei canali, attira ogni anno circa 17 milioni di visitatori. Guardando nella lista  di post scritti in questi sei anni di lavoro, ho realizzato di non aver mai scritto un articolo con i miei consigli per chi visita la città per la prima volta, magari per un weekend o solo per 2 giorni. Ho pensato quindi di scrivere un breve articolo con una lista di quelle che sono le cose da fare (assolutamente) ad Amsterdam in 24h se la si visita per la prima volta e non si sa da dove iniziare.

Il centro di Amsterdam, la famosa piazza Dam

Il mio consiglio è quello di arrivare in Piazza Dam, la piazza principale e luogo da cui la città ha avuto nascita, la culla della nostra amata capitale olandese. Piazza Dam è il punto d’incontro più grande della città ed è sempre crocevia di migliaia di persone, turisti e cittadini, durante tutta la giornata.

Si trova a pochi passi dalla stazione centrale e quindi è molto facile da raggiungere, meglio fare una passeggiata in questa piazza verso le 9 di mattina però, quando ancora la città dorme (i negozi aprono tardi, verso le 10) e la piazza è quasi deserta. In questo modo si può vedere la piazza in tutta la sua grandezza e gli edifici e i monumenti che la circondano: Palazzo Reale, la Nuova Chiesa e l’Obelisco dedicato ai caduti della Seconda Guerra Mondiale.

Sul Dam si trova anche il museo delle cere di Amsterdam, il Madame Tussaud, che offre una vista spettacolare sulla città. Io ci sono stata e posso confermare che la vista è unica, un luogo privilegiato da cui guardare la città. Come per tutti i musei di Amsterdam anche per il Museo delle cere è necessario acquistare il biglietto in anticipo, inoltre con l’acquisto on line è possibile non solo risparmiare la fila all’ingresso ma anche avere uno sconto di 3 euro sul biglietto. Clicca qui per vedere i dettagli.

Il beghinaggio

Proseguendo per Kalverstraat, la strada dello shopping internazionale,  si arriva al Beghinaggio, un piccolo angolo di Amsterdam che non bisogna perdere per nessun motivo: si tratta di un complesso di case con intorno grandi aiuole e alberi secolari in cui vivevano le beghine. Entrando in questo cortile interno sembra di trovarsi in un’oasi di pace, dove i rumori della strada di fuori e il via vai delle persone sono ovattati. Tutto è silenzioso e tranquillo, proprio come in una piccola cittadina. Questo però è solo il primo dei cortili da visitare, ne esistono tanti altri ancora più interessanti.

Il mercato dei fiori

Proseguendo verso Kalvestraat a un certo punto si incontra il famoso Bloemenmarkt, il mercato dei fiori di Amsterdam famoso in tutto il mondo per la vendita di semi e bulbi non solo di tulipani, ma di tantissimi altri tipi di fiori.

Percorrilo tutto e perditi tra i mille colori delle bancarelle riflesse nell’acqua del canale Singel.

Rembrandtplein, la piazza dedicata a Rembrandt

Dal mercato dei fiori e dalla torre del conio si scorge Rembrandtplein, la piazza dedicata a Rembrandt, il pittore più famoso di Amsterdam. Questa piazza ha anche innumerevoli locali e bar che la rendono una delle piazze preferite per gli amanti della vita notturna. Io ne consiglio la visita al primo pomeriggio quando artisti di strada e musica riempiono la piazza di colori ed allegria!

A pochi passi da questa piazza si trova la casa di Rembrandt, precisamente nel quartiere ebraico di Amsterdam. La casa è attualmente una casa museo quindi è possibile visitarla previo pagamento di un biglietto di ingresso. Se vuoi saperne di più trovi le info per questo museo direttamente a questa pagina.

Museumplein, la piazza dei musei e del museo Van Gogh

Altro luogo assolutamente da non perdere è la piazza dei musei chiamata Museumplein. Qui si raccolgono il Museo Van Gogh, il Rijksmuseum, lo Stedelijk e il museo esperenziale chiamato MOCO.

Per visitare questi musei è necessario prenotare in anticipo altrimenti è impossibile entrare. Ad esempio il museo Van Gogh non ha una biglietteria fisica quindi il biglietto può essere acquistato solo on line.

Ti lascio qui di seguito l’elenco di questi musei e la pagina web dove acquistare i relativi biglietti di ingresso:


Oggi il mio racconto finisce qui, ma questo è solo l’inizio, ci sono tantissime cose di cui non ho scritto e che mi piace raccontare durante gli itinerari guidati che organizzo ad Amsterdam ogni giorno.

La mia visita guidata di Amsterdam – cosa vediamo insieme?

Amsterdam è una città complicatissima. Se la guardi su una piantina ti renderai subito conto che non ci sono molti punti di riferimento e ogni zona ti sembrerà simile ad un’altra. Ecco che allora entro in gioco io che con il mio sguardo posso farti notare particolare e punti della città che non noteresti mai in autonomia. Ad esempio la casa più stretta di Amsterdam e il perchè è così stretta, oppure i cortili segreti che non sono visibili dalla strada ma che sono dietro a porticine che sono una persona del posto può conoscere e aprire.

A questa pagina trovi tutte le info per prenotare e per leggere le mie recensioni.

Insomma, la mia non è la solita visita guidata, ma l’esperienza di scoprire la vera essenza di Amsterdam e la sua autenticità.

Durante il percorso esploriamo insieme il centro storico della città e parliamo di tradizione, cultura e usanze olandesi. Persino dove mangiare olandese, dove mangiare bene e quali cosa fare nel resto del tuo tempo a disposizione. Non puoi trovare tutto questo in una guida cartacea, per questo ci siamo noi.

Ti ho convinto?
Bene, ora non ti resta che partire!

L’articolo ti è piaciuto e vuoi saperne di più? Partecipa ad una delle mie visite guidate in italiano ad Amsterdam e in Olanda. Non dimenticare di continuare a seguirmi sul mio canale youtube! Oppure seguimi su INSTAGRAM!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.