Le Plantage: il quartiere dei musei verde di Amsterdam

L’aerea del Plantage è tra le più verdi di Amsterdam. Quest’area sorge nella parte Est della città ed è poco frequentata dai turisti che accalcano il centro della città. Si raccolgono in questa zona infatti l’orto botanico della città, l’Artis – lo zoo e il grande parco dell’est ‘Oosterpark‘.

A pochi passi dalla più conosciuta Waterlooplein, dove si svolge il famoso mercato delle pulci, il quartiere del Plantage offre aree verdi e vari musei importanti come il Museo della Resistenza e il Museo dei Tropici. Questa alta concentrazione di elementi fanno si che la zona sia definita ‘Quartiere dei musei verde di Amsterdam’. 

Cosa vedere dunque in una giornata in questa zona? Iniziare con la visita alla casa di Rembrandt e alla sinagoga portoghese per poi spingersi fino al centro del quartiere dove si trova l’orto botanico della città.

Orto botanico di Amsterdam
E’ uno dei più antichi al mondo, fu fondato nel 1638 dalla cittadinanza per fungere da giardino di erbe medicinali per medici e farmacisti. Contiene più di seimila alberi e piante tropicali ed indigene. La sua espansione fu dovuta all’intensa attività della compagnia delle Indie che nel 17° e 18° secolo portavano ad Amsterdam erbe e spezie ma anche piante esotiche ornamentali. Lontano dalla confusione del centro è il posto migliore per perdersi tra serre riscaldate, piante tropicali e farfalle appena nate.

Artis Zoo
Giaguari, elefanti, leoni marini, fenicotteri e tanti altri animali abitano e colorano lo zoo di Amsterdam che in Estate resta aperto ogni sabato fino al tramonto, cioè fino alle 23. Un’occasione da non perdere per farsi un giro e perché no, anche un picnic tra gli animali. Il biglietto di ingresso costa 20.50 euro ma è sicuramente suggestivo! Ne avevo parlato in questo articolo.

Museo della resistenza
Questo museo è una perla del quartiere. E’ stato inaugurato nel 1985 e dedicato alla resistenza olandese durante l’occupazione tedesca dei Paesi Bassi (1940-1945) nel corso della seconda guerra mondiale. La visita al museo della resistenza è un’occasione per conoscere meglio la storia olandese e le vicende che hanno riguardato la città di Amsterdam durante questo difficile momento storico.
Una buona occasione per trascorrere una giornata passeggiando tra le aree verdi della città, le facciate dei palazzi ottocenteschi e i vari caffè alla moda che sorgono nella zona. All’interno del museo i riferimenti in lingua olandese sono tanti quindi consiglio la visita guidata in italiano. Avevo già parlato del museo in questo articolo.

Come raggiungere il quartiere?
Arrivati a Waterlooplein, proseguite a piedi e sarete subito nel quartiere Plantage. In alternativa prendete il tram 9 dalla stazione centrale. Buon divertimento!

Vuoi saperne di più? Partecipa ad una delle mie visite guidate in italiano e non dimenticare di continuare a seguirmi su canale youtube di InsolitAmsterdam.
Visita la pagina Facebook di insolitAmsterdam – ci sono tante foto ed info utili sulla città!

Foto copertina: french food stories

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *